Il Cavolo Rapa fa parte della famiglia delle Brassicacee Oleraceae o Crocifere e la sua varietà è la Gongylodes. Vediamo come funziona la coltivazione del Cavolo Rapa: segui i nostri consigli professionali per prenderti cura di questo prezioso ortaggio.

A differenza della maggior parte delle varietà di cavolo, la parte che più interessa è il fusto della pianta che ingrossa alla base, a livello del terreno, formando la caratteristica rapa sferica che verrà poi raccolta e consumata.

Anche le foglie sono commestibili, quindi possiamo affermare che quella dei cavoli rapa è una coltivazione estremamente produttiva. Inoltre, considerando che resiste molto bene al freddo, può essere coltivata in autunno.

Coltivare i Cavoli Rapa

Cavolo rapa foto

Come tutte le altre varietà di cavolo, il cavolo rapa è un ortaggio di coltivazione autunnale o primaverile, dal momento che non ama eccessivamente il caldo e al contempo resiste molto bene al freddo. Può essere coltivato in pieno campo anche all’inizio dell’inverno, a patto che le temperature non si avvicinino troppo allo zero.

Anche per quanto riguarda il tipo di terreno è un ortaggio estremamente tollerante; l’importante è evitare i ristagni d’acqua e che il terreno sia piuttosto leggero, perché un terreno compatto non favorisce l’ingrossarsi della rapa.

Possiamo scegliere di seminare direttamente il terreno, oppure di seminarlo in un contenitore per poi trapiantarlo dopo circa un mese e mezzo. La distanza ideale tra una pianta e l’altra è di almeno 40 cm per far sì che la pianta si ingrossi nel modo migliore.

Rapa: un ortaggio semplice da coltivare

Non servono particolari attenzioni della cura del cavolo rapa: dobbiamo evitare la crescita incontrollata di erbacce e sarchiare il terreno di tanto intanto; smuovere e arieggiare il terreno intorno alla pianta è un ottimo sistema per migliorarne la produzione.

Vedi Anche:  Coltivare il Rabarbaro

La pacciamatura, inoltre, può essere un valido sistema per evitare la crescita di erbe infestanti e per ridurre le irrigazioni, che devono essere frequenti ma di moderata entità. Il terreno dovrebbe rimanere sempre umido.

Chiudi il menu